Allora è un grande momento “La Spagna si è riunita alla Spagna” secondo Carolina Darias

Nelle parole del ministro delle politiche territoriali e della funzione pubblica Carolina Darias, che si è rivolto al Paese dopo una conferenza stampa all'incontro dei presidenti regionali con Pedro Sánchez.

Nello stesso, Darias ha annunciato che la Conferenza dei presidenti affronterà il "ritorno a scuola"’ e sarà effettuato durante l'ultima settimana di agosto, In questo verrà stabilito se sarà telematico o di persona, tutto si deciderà in base alla pandemia di coronavirus.

La Conferenza dei presidenti si è tenuta questo venerdì 31 Luglio di persona a La Rioja. allo stesso modo, Darías lo ha sottolineato “L'ultima settimana di agosto, fisseremo la data, terremo una Conferenza dei presidenti che affronterà lo stato di pianificazione del nuovo anno scolastico -è avanzato-.

Una proposta molto ben accolta, accolto molto bene da tutti i Presidenti qui presenti perché hanno capito che era assolutamente necessario stabilire linee guida di coordinamento in tal senso”.

In questo senso, il presidente del governo, Pedro Sanchez, ea conferma del precedente annuncio, lo ha sottolineato mercoledì scorso prima della sessione plenaria straordinaria del Congresso, che una nuova Conferenza dei presidenti si sarebbe convocata alla fine di agosto per finalizzare il "ritorno a scuola".

Sánchez lo ha limitato: “Dobbiamo incontrarci a fine agosto per prepararci, o finalizzare, piuttosto, il ritorno a scuola dei nostri figli e delle nostre figlie, Penso che anche questo sia molto importante”, le sue parole sono diventate eloquenti quando ha risposto a turno durante la comparizione davanti alla Camera per spiegare l'accordo del Consiglio europeo per la distribuzione dei fondi per la ripresa.

Alla fine di giugno, il governo era incaricato di pubblicare nella BOE, un ordine contenente il file 14 sottolinea che il Ministero dell'istruzione e della formazione professionale concorda 15 comunità autonome in passato 11 di giugno nella celebrazione della Conferenza settoriale dell'educazione per preparare il “ritorno a scuola’ di settembre, in cui si propongono garanzie sanitarie per fronteggiare la pandemia di coronavirus.

Questo è un accordo, firmato da tutti i governi autonomi tranne i Paesi Baschi e Madrid, stabilisce un ritorno in aula di persona come “principio generale durante l'anno accademico 2020-2021”, entrerà in vigore a settembre e avrà un minimo di 175 giorni di scuola.

Nell'ordinanza si fa riferimento alla sospensione delle lezioni frontali a marzo per reclusione, che ha portato all'adattamento dell'insegnamento a una modalità telematica ea distanza in tutta la Spagna, ha indicato che: “L'esperienza di questo corso ha confermato l'importanza della presenza per il consueto svolgimento dei compiti educativi e formativi, Pertanto, le amministrazioni educative faranno tutti gli sforzi necessari per garantire la modalità faccia a faccia in tutti gli insegnamenti, livelli e stadi di istruzione”.

In questo senso, il governo e le comunità hanno deciso di concordare per ottenere il recupero dell'apprendimento che gli studenti hanno perso durante il parto, per cui verranno effettuati gli adattamenti dei programmi didattici del prossimo corso, e allo stesso modo, sarà stabilito “piani di follow-up e sostegno per quegli studenti che incontrano maggiori difficoltà nelle circostanze attuali”.